Menu

incendio samsung

Per Samsung i problemi non finiscono. Dopo lo scandalo dell’esplosione delle batterie del Galaxy Note 7 ora arriva l’incendio nella fabbrica di Tientsin, nel nord-est della Cina.

Lo stabilimento in precedenza produceva proprio le batterie per il Galaxy Note 7 e ora aveva cominciato a produrle per il Galaxy Note 8 ma si sono verificati dei disguidi che hanno portato al divampare di un ‘piccolo incendio’, come la stessa Samsung lo ha definito.

Una delle aziende cinesi di Samsung è stata colpita da un incendio improvviso.  Ora però è necessario comprendere se i telefoni e le batterie prodotte da Samsung potranno essere ancora sicure per la vendita e l’utilizzo e quali siano i veri problemi che la società sta affrontando, dato che stiamo parlando di alcuni degli smartphone più venduti al mondo.

Al momento Samsung SDI ha parlato di un ‘incendio minore’ scoppiato in un deposito di scarti. L’incendio secondo la stampa locale sarebbe legato proprio alle batterie al litio vere e proprie o ad alcuni semi-lavorati utilizzati per la produzione delle batterie ma in questo caso finiti nel deposito degli scarti e dei rifiuti. I Vigili del Fuoco sono intervenuti numerosi per domare le fiamme. Le autorità locali sono arrivate sul posto per monitorare la qualità dell’aria e valutare il possibile inquinamento.

Le esplosioni degli smartphone Samsung 7 erano dovute al surriscaldamento delle batterie e già lo scorso settembre l’azienda aveva annunciato un richiamo totale del prodotto difettoso.

L’incendio avvenuto da poco in Cina riguarda un magazzino di scarti e rifiuti e non uno stablimento di produzione, dunque l’azienda da questo punto di vista non dovrebbe aver subito alcun danno.

Ci si continua però ad interrogare sulla sicurezza, soprattutto per quanto riguarda gli operai della fabbrica e per le conseguenze sull’ambiente e sulla popolazione delle colonne di fumo nero che si sono formate sopra il magazzino a seguito dell’incendio. Vedendo il fumo la popolazione locale ha subito riconosciuto nella fabbrica di Tientsin il luogo dell’incendio.

La società Samsung SDI, che fino ad ora ha prodotto le batterie per i cellulari Samsung, ha dichiarato che proprio questo mese ha dato il via a un cospicuo investimento economico sulla sicurezza e che le proprie batterie probabilmente verranno utilizzate per il prossimo modello di smartphone a marchio Samsung.

Ma saranno davvero sicure?

Marta Albè

 

Leggi anche:

 

Eni: la raffineria di Sannazzaro dopo l’esplosione (FOTO)

Aggiungi commento

Le idee e le opinioni espresse dai lettori attraverso i commenti a non rappresentano in alcun modo l'opinione della redazione e dell'editore. Gli autori dei messaggi rispondono del loro contenuto.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Chi siamo

Network