Menu

sc-johnsonSC Johnson, azienda internazionale impiegata nella produzione di detergenti per la casa, ha deciso di proseguire il proprio percorso sulla via della sostenibilità a partire da due iniziative che coinvolgono l'ambito dell'approvvigionamento energetico e della scelta degli ingredienti impiegati nella formulazione dei prodotti proposti. Si tratta di quanto emerso dal più recente Rapporto di Sostenibilità reso pubblico dell'azienda.

Per quanto riguarda l'approvvigionamento energetico, SC Johnson ha deciso di utilizzare esclusivamente energia rinnovabile nel principale sito produttivo di Waxdale, nel Wisconsin. Sono infatti state installate due pale eoliche in grado di garantire 8 milioni di KWh di elettricità all'anno, una quantità pari al fabbisogno energetico di oltre 700 abitazioni.

In precedenza erano già stati installati due impianti di congenerazione, ai quali vanno ad aggiungersi le strutture per lo sfruttamento dell'energie eolica, che complessivamente permetteranno di ridurre le emissioni di Co2 dello stablimento di oltre 6000 tonnellate all'anno.

Il secondo ulteriore passo in avanti dal punto di vista della sostenibilità riguarda l'innovativa decisione di rendere pubblica la lista degli ingredienti impiegati per la realizzazione delle fragranze contenute nei propri prodotti. Ricordiamo che dietro la dicitura "parfum" o "fragrance" presente negli elenchi degli ingredienti di detergenti per la casa o per la persona, oltre che di cosmetici, possono nascondersi migliaia di sostanze, anche inquinanti o nocive, per cui non esistono obblighi di legge relativi alla pubblicazione della loro composizione.

jonson eolico

In controtendenza all'interno del proprio settore, da questo punto di vista, SC Johnson ha deciso di pubblicare online la lista delle fragranze utilizzate nei propri prodotti. Gli ingredienti presenti sono oltre 1500 e sono stati selezionati non soltanto sulla base dell'IFRA – International Fragrance Association –, ma seguendo criteri interni ancora più ristretti.

Ecco dunque che dalla formulazione delle fragranze dei prodotti sono stati esclusi alchifenoli etossilati, diacetile, formaldeide, muschi azotati, ftalati e tutti quegli ingredienti riconosciuti cancerogeni o mutageni nella lista della US National Toxicology Program, del Regolamento del Parlamento Europeo del Consiglio del 18 dicembre 2006 concernente la registrazione, la valutazione, l'autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (REACH), dell'Agenzia Internazionale sulla Ricerca delle Sostanze Cancerogene dell'OMS e dell'Agenzia Americana per la protezione dell'Ambiente.

Marta Albè

GreenBiz.it

Network